Ho Mobile conferma il furto dei dati: 2,5 milioni di utenti a rischio

La vicenda di Ho Mobile

I ricercatori della società di sicurezza informatica Bank Security, il 28 dicembre 2020, via Twitter, hanno denunciato la messa in vendita nel dark web, in data 21 dicembre 2020, di un database contenente i dati personali di circa 2,5 milioni di utenti di Ho Mobile, un provider che offre servizi di telefonia low cost di proprietà di Vodafone.

Leggi tutto “Ho Mobile conferma il furto dei dati: 2,5 milioni di utenti a rischio”

Deepfake e Deepnude: la scheda informativa del Garante.

deepfake

I deepfake sono foto, video e audio creati da software di intelligenza artificiale (AI) che, partendo da contenuti reali, modificano e ricreano in modo estremamente realistico voci, volti, corpi, caratteristiche appartenenti ad una determinata persona. Proprio come le diffusissime app utilizzate per modificare la morfologia del volto (invecchiandolo, ringiovanendolo, cambiando genere), tali software all’insaputa della persona rappresentata utilizzano i suoi connotati estetici per raffigurarla in situazioni, luoghi, contesti non reali che potrebbero – in alcuni casi – addirittura apparire compromettenti.

Leggi tutto “Deepfake e Deepnude: la scheda informativa del Garante.”

Libertà, specificità ed inequivocabilità del consenso: le nuove linee guida 5/2020 tra lo “scrolling” e i “cookie wall”

Libertà, specificità ed inequivocabilità del consenso: le nuove linee guida 5/2020 tra lo “scrolling” e i “cookie wall”

Il Regolamento Generale per la Protezione di Dati personali (GDPR) vincola il trattamento dei dati personali ad una base giuridica. Non a caso, la prima base giuridica delineata dall’art. 6 GDPR è proprio il consenso inteso come manifestazione di volontà attraverso la quale l’utente esprime il proprio assenso al trattamento dei dati personali che lo riguardano.

Leggi tutto “Libertà, specificità ed inequivocabilità del consenso: le nuove linee guida 5/2020 tra lo “scrolling” e i “cookie wall””

Il revenge porn: art. 612 ter del Codice penale

revenge porn

REVENGE PORN

Nelle ultime settimane, in riferimento a diversi fatti di cronaca, si è molto parlato di “Revenge Porn”: l’espressione, proveniente dalla lingua inglese, sta a significare “vendetta porno” e raffigura una prassi, purtroppo, sempre più frequente, che prevede la condivisione di immagini o video intimi online, senza il consenso dei soggetti rappresentati.

Leggi tutto “Il revenge porn: art. 612 ter del Codice penale”