L’obbligazione dell’amministratore di condominio, quale DPO e RPD, di trasmettere i dati dei condomini morosi ai creditori insoddisfatti

Privacy nel condominio. Amministratore di condominio e dati dei condomini

Privacy nel condominio. Amministratore di condominio e dati dei condomini   

L’art. 63 – I comma – disp. att. c.c., nella sua disposizione successiva alla l. 220/2012, in tema di condominio, recita “per la riscossione dei contributi in base allo stato di ripartizione approvato dall’assemblea, l’amministratore, senza bisogno di autorizzazione di questa, può ottenere un decreto di ingiunzione immediatamente esecutivo nonostante opposizione, ed è tenuto a comunicare ai creditori non ancora soddisfatti che lo interpellino i dati dei condomini morosi”.

Leggi tutto “L’obbligazione dell’amministratore di condominio, quale DPO e RPD, di trasmettere i dati dei condomini morosi ai creditori insoddisfatti”

Commento a sentenza della Corte (Grande Sezione) del 24 settembre 2019: Google LLC contro Commission nationale de l’informatique et des libertés (CNIL). Domanda di pronuncia pregiudiziale proposta dal Conseil d’État (Francia). (Rinvio pregiudiziale – Dati personali – Causa C-507/17.)

Sommario. 1. Origine della controversia 2. Dictum della Corte di Giustizia 3. Osservazioni critiche

  1. Origine della controversia:

L’autorità di vigilanza per la protezione dei dati personali in Francia il CNIL aveva accolto la domanda di una persona fisica di rimozione di alcuni link (c.d. deindicizzazione), risultanti da una ricerca svolta sul motore di ricerca Google, su tutte le sue estensioni del nome di dominio[1].

Il motore di ricerca si era rifiutato di ottemperare a tale verdetto, eliminando solo i risultati ottenuti in una sola estensione, corrispondente al territorio di uno stato membro, quello del richiedente.

L’autorità garante ha ritenuto tale misura insufficiente, così come il meccanismo del blocco geografico che consente a Google di vietare l’accesso a quei link nel territorio dell’interessato in base alla localizzazione del indirizzo IP di colui che effettua la ricerca. In altre parole al luogo in cui si effettua la sua connessione. Di conseguenza ha proceduto a sanzionare l’azienda con una sanzione di  EUR 100000.

 

Leggi tutto “Commento a sentenza della Corte (Grande Sezione) del 24 settembre 2019: Google LLC contro Commission nationale de l’informatique et des libertés (CNIL). Domanda di pronuncia pregiudiziale proposta dal Conseil d’État (Francia). (Rinvio pregiudiziale – Dati personali – Causa C-507/17.)”

Data breach al dossier sanitario: la curiosità dei dipendenti si paga cara.

data breach

Negli ultimi  anni  le  strutture  sanitarie  hanno notevolmente incrementato l’utilizzo di sistemi  informativi  per  la gestione della documentazione sanitaria, tanto che il Garante per la protezione dei dati personale ha ritenuto necessario adottare le misure idonee a conformare i trattamenti dei dati personali, con particolare attenzione a quelli idonei a  rivelare  lo  stato  di salute, alla vigente disciplina sulla protezione dei  dati  personali che tenga conto dell’esperienza maturata e dell’evoluzione normativa rispetto alle  “Linee guida  in tema di Fascicolo sanitario elettronico e di dossier sanitario”,  adottate dal Garante con provvedimento del 16 luglio 2009.

Leggi tutto “Data breach al dossier sanitario: la curiosità dei dipendenti si paga cara.”