Giustizia. Equo compenso, bandi illegittimi e difesa della classe forense

equo compenso

La Legge di Bilancio 2018 (Legge 27 dicembre 2017, n. 205 – G.U. 29 dicembre 2017, n. 302) ai commi 487 e 488 dell’unico articolo disciplina modifica l’istituto dell’equo compenso, disciplinato dall’art. 13-bis della legge professionale forense (inserito dall’art. 19-quaterdecies, del D.L. 16.10.2017, n. 148, come in L. 04.12.2017, n. 172). Le previsioni dettate per gli avvocati vengono estese dalla L. n. 172/2017 anche alle prestazioni, in quanto compatibili, degli altri professionisti di cui all’art. 1 della legge 22 maggio 2017, n. 81, comprendendo gli iscritti agli ordini e collegi.

Leggi tutto “Giustizia. Equo compenso, bandi illegittimi e difesa della classe forense”

Intelligenza Artificiale, Etica e Tutela dei Dati personali: la Conferenza mondiale dei Garanti approva una Risoluzione contenente i principi fondamentali

intelligenza artificiale

Il 23 ottobre scorso, a Bruxelles, in occasione della 40esima Conferenza Internazionale dei Garanti della Privacy e della Protezione dei dati Personali, su iniziativa della Commission de l’Informatique et des Libertes (CNIL), del Garante Europeo e del Garante italiano, è stato approvato uno storico documento sull’Intelligenza Artificiale.

Leggi tutto “Intelligenza Artificiale, Etica e Tutela dei Dati personali: la Conferenza mondiale dei Garanti approva una Risoluzione contenente i principi fondamentali”

La Cassazione si schiera con il Garante: no al badge con l’impronta della mano del dipendente senza autorizzazione dell’Autorità

cassazione privacy garante

Con ordinanza n. 25686/18, depositata in cancelleria il 15 ottobre scorso, la Corte di Cassazione, ribaltando la sentenza del Tribunale di Catania, ha accolto il ricorso presentato dal Garante per la protezione dei dati personali, confermando il corretto operato dell’Autorità nel comminare una sanzione pecuniaria ad una S.r.l. per violazione del Codice di Protezione dei Dati Personali.

Leggi tutto “La Cassazione si schiera con il Garante: no al badge con l’impronta della mano del dipendente senza autorizzazione dell’Autorità”